Psicologia: sì o no?

Ultimamente mi è capitato di ricevere diverse richieste che andavano tutte più o meno nella stessa direzione, ovvero la seguente: “Cara dottoressa, mi scusi se la disturbo sono una giovane studentessa che è arrivata al momento di scegliere il percorso universitario. Per mia propensione personale e/o per il percorso di studi che ho fatto, sarei incline a scegliere Psicologia, ma sono in dubbio perché da più parti mi viene detto che in quest’ambito non si trova lavoro. Lei me lo conferma?”. Ovviamente a chi mi ha fatto questo genere di domande io ho già risposto in privato, ma con questo articolo voglio ampliare un po’ la risposta e renderla più completa.

Cominciamo col dire che siamo in un periodo storico/socio/economico nel quale non esiste quasi più, o quantomeno è molto raro nel nostro ambito, il classico lavoro a tempo indeterminato, quindi quel “posto fisso” tanto caro a Checco Zalone in alcuni dei suoi film! Come sapete, purtroppo, vengono operati continui tagli alla Sanità, quindi è davvero difficile lavorare come psicologi o psicoterapeuti nell’ambito pubblico. Quindi, se le persone che mi hanno fatto questo genere di richiesta, o che hanno in mente questo dubbio, hanno quest’idea del possibile sbocco lavorativo una volta conseguita la laurea in Psicologia, quello che mi viene da dire è: lasciate perdere! Nel senso che questo genere di lavoro al momento, e presumo anche nel prossimo futuro, non esiste.

Quello che però io ho risposto alle giovani ragazze che mi facevano questo genere di richiesta è che la Psicologia, come materia in sé, ha delle applicazioni pressoché infinite, poiché infinite sono le attività umane che possono beneficiare delle conoscenze che si acquisiscono in un percorso di studi finalizzato al conseguimento di una laurea in Psicologia. Inoltre, una volta laureati, non è per forza indispensabile frequentare una scuola di specializzazione per diventare Psicoterapeuta. Quindi già da adesso, ma sicuramente anche nel prossimo futuro, il lavoro nell’ambito psicologico non è necessariamente qualcosa che si cerca, ma è qualcosa che si crea, che ci si inventa, anche in maniera creativa.

Quello che mi verrebbe da consigliare a chi oggi decide di intraprendere un percorso di studi universitario per conseguire una laurea in Psicologia è, oltre che impegnarsi nello studio delle materie d’esame (ovviamente !),  affiancare contemporaneamente la propria formazione con dei seminari e dei corsi di comunicazione digitale e marketing, che sono cose che all’università non insegnano, ma che sono importantissime una volta che si ha la laurea in mano e ci si affaccia al variegato e competitivo mondo del lavoro, in continua evoluzione. Dato che molto spesso il vostro futuro impiego lo creerete voi, la comunicazione digitale può contribuire a farlo conoscere ad un pubblico più ampio.

Voi giovani d’oggi siete fortunati in questo senso perché siete nati nell’era digitale e avete tantissimi strumenti a vostra disposizione, a volte senza neanche dover uscire di casa! Si chiamano videocorsi, podcast, webinar, blog, libri, … Insomma, un “arsenale” decisamente ben fornito col quale vi consiglio di iniziare a familiarizzare fin da subito, anche per capire se questa materia, e le sue possibili applicazioni, possono fare davvero per voi perché per riuscire in questo ambito, come in molti altri settori, ci vogliono motivazione, determinazione, caparbietà, impegno, dedizione, passione, conoscenze tecniche, inventiva e creatività.

Alcuni strumenti che vi suggerisco di iniziare ad usare già da subito, per farvi un’idea, sono il libro “Marketing per strizzacervelli”, i canali YouTube di Marco Montemagno e di Luca Mazzucchelli, e il blog di Riccardo Scandellari, che ovviamente non hanno alcun bisogno della mia “pubblicità” (!) e che forse già conoscete, dato che sono piuttosto famosi.

In conclusione, se avete in mente un’idea stantìa e antica della Psicologia, concordo con chi vi suggerisce di lasciar perdere questo percorso di studi, ma se possedete il “guizzo” e avete una buona dose di creatività, di flessibilità e di lungimiranza, allora imparerete un sacco di cose utili ed interessanti! La cosa fondamentale è leggere, studiare, formarsi, essere curiosi e appassionati della materia, e cercare continuamente di migliorarsi ed aggiornarsi. Solo così potrete lavorare facendo gli Psicologi. ^_^

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*